Wind

Il suono ha ispirato la forma. Per disegnare il marchio Wind la fortuna è stata quella di avere avuto una W come prima lettera il cui suono pronunciato ricorda il vento. L’intuizione invece, è stata quella di aver trasformato la W – lettera dal disegno spigoloso – in un segno disteso, sinuoso, in sintonia con il suono che evoca.
 
Una lettera intelligente. La seconda fortuna è stata quella di avere avuto una i subito dopo. Se ci fosse stata un’altra vocale le cose sarebbero andate diversamente. La lettera i è l’unica ad avere la testa, antropomorfa per destino, ha permesso l’intuizione successiva cioè quella di chiamare a sé un paio di braccia.
 
Un incontro fortunato. Le braccia – ottenute dal ridisegno della W – si sono armonizzate magicamente fra la testa, il pallino della i, e il restante tratto. Fortuna sì, ma anche delicato lavoro di cesello.
 
Una coppia unita. Per questo marchio sono stati pensati due colori complementari. Arancione arancio sicilia, un colore caldo, solare, estroverso per rappresentare la creatività e Blu mare digitale un colore freddo, elettrico, irrequieto, per rappresentare la tecnologia.
 
Wind Telecomunicazioni è un operatore che offre servizi integrati di telefonia fissa, telefonia mobile ed Internet |
 

Design Team
Designer Paolo Rossetti
Naming Annamaria Testa
Video specialist Marco Gottardo

Date

Giugno 1998