Parole per il 2020

Nuvole. Sono idrometeore di vapore d’acqua e ghiaccio che influenzano il bilancio energetico Sole-Terra, originano le precipitazioni e sono classificate in 4 tipi fondamentali. Sull’icona delle app, il disegno stilizzato è quello di un cumulo. Il grado di nuvolosità si misura in okta: zero quando il cielo è senza nuvole, nove quando il cielo non si vede. Sono d’ispirazione per artisti e designer, non mancano nei tramonti mozzafiato, sono il business di chi fa ombrelli. Le nuvole hanno dato il nome a tecnologie che usiamo ma non hanno lo stesso aspetto: il cloud con una nuvola vera, ne condivide solo il nome, è un’idea di marketing. In questa nuvola senza cielo ci mettiamo informazioni, tanto lì c’è spazio che non si sa dov’è, ma poco importa, quello che conta sono i dati e la velocità.
 
Velocità. Alla fine degli anni 40 Chuck Jones disegna Willy il Coyote e Beep Beep protagonisti di una serie fortunata di cartoni animati. Il concetto è semplice: Willy cerca di prendere Beep Beep per mangiarselo ma ogni volta non ci riesce perché il roadrunner corre come un razzo diventando inafferrabile. Willy è vittima dei congegni che usa per catturare il cuculide corridore che spesso non funzionano. Willy è sfortunato ma simpatico perché ricorda tutti quelli che lottano per raggiungere un obiettivo difficile. Nell’episodio Suop or Sonic, per una volta il coyote riesce a prendere Beep Beep però in quella puntata ha dimensioni enormi. Imbarazzato, Willy mostra agli spettatori dei cartelli sui quali si legge: “Avete sempre voluto che lo catturassi. E ora che faccio?” Questa inquadratura conferma che Willy ha coscienza di sé, è identificato in un ruolo, e sa di avere un pubblico.
 
Pubblico. I brand nascono per rispondere al bisogno di un pubblico. Prendiamo ad esempio, il bisogno di attenuare le rughe. Per questa necessità nasce Nomore, società dedicata allo scopo. Grazie all’abilità dei suoi fondatori, Nomore promette la risoluzione dell’inestetismo. Il risultato è frutto di intuizioni uniche sulle quali la società investe in ricerca. Così Nomore sviluppa sempre maggiori abilità: la soluzione è un siero prodigioso che ha successo. Chi lo compra, costruisce la reputazione di Nomore facendo diventare Nomore un brand, un brand che vale. Chi sceglie quel siero non solo sceglie un prodotto, ma anche il valore di quel brand. Valore che fa parte della formula e per questo, rende quell’esperienza così particolare.
 
Particolare. Antonio Canova ha cavalcato la scena artistica europea fra il diciottesimo e diciannovesimo secolo. Scultore unico nel suo genere, il padre del neoclassicismo dedicava alle sue opere una cura maniacale per trasformare pezzi di marmo in capolavori senza tempo.
– “Lavorava un giorno su un piede d’una Ninfa danzante, né mai era contento di ritoccarlo. Perché vi travagliate in quelle cose minute, gli disse un amico? (…) La diligenza, rispose, è quella che commenda (tramanda) l’opere nostre (…) Tra le cose che si sono trascurate ordinariamente nell’arte sono le unghie delle estremità umane, (…) non senza grande sapienza gli antichi pubblicarono il dettato: perfetto fino all’unghie: per giustificare un’opera compiuta.” (Archivj) Anche per i dettagli, il maestro aveva una certa visione.
 
Visione. Per avere una visione capace di fare futuro ci vogliono immaginazione, follia e coraggio. L’immaginazione serve per inventare un’altra idea di realtà, la follia è per credere a una cosa che all’inizio non c’è, il coraggio è per non fermarsi a mezza strada prima che quel futuro diventi una nuova possibilità. La visione è una destinazione, il brand è un mezzo per arrivarci, è un modo di viaggiare, uno stile.
 
Stile. Quello libero è usato nelle gare di nuoto. Il nuotatore deve osservare queste regole: durante una gara, non usare lo stesso stile già usato in una nuotata precedente; per fare una virata è sufficiente toccare il bordo con qualsiasi parte del corpo; nuotando, una parte del corpo deve sempre emergere; e infine, non camminare sul fondo della vasca. Per chi non è uno stilliberista, basta ricordare che chiunque – consapevole o no – ha uno stile senza essere uno stilista o un brand. A che cosa serve? Per definire un’identità, essere riconoscibili e in qualche caso, diventare oggetto di desiderio.
 
 
Video concept Luca Uliana

Date

Dicembre 2019